Colto, cotto e mangiato: il km 0 in campo