Olive 2017: da oohh!!! a boh!?

Le olive, per chi le coltiva e vorrebbe trarne un sostentamento adeguato, stanno diventando un vero e proprio cruccio.


Dopo l’annus horribilis 2014, il contentino del 2015 e il combinato disposto di bactrocera oleae e lebbra del 2016, la fioritura di quest’anno ci aveva fatto sperare in un’annata finalmente prodiga di olive.

Purtroppo anche nel 2017 l'”olivata” probabilmente non ci sarà: colpa dell’ondata di gelo in fase di mignolatura e della siccità imperante (a parte i 2 giorni scorsi non piove da 2 mesi). Pare che quella del 2017 sia stata la terza primavera più asciutta dal 1800 a oggi!

La conferenza MurlOlio in giugno, organizzata da Pro Loco Murlo, è stata l’occasione per gli olivicoltori di Murlo di riunirsi intorno al capezzale dell’olivicoltura toscana e di confrontarsi sul da farsi. Ci auguriamo che anziché guardarsi in cagnesco, i pochi sopravvissuti possano finalmente riunirsi intorno a un tavolo e  partorire idee costruttive per resuscitare un morto che cammina. Noi ci siamo (ancora)!

Rispondi