OLIVETA DELLA TORRE


L’avventura dell’Oliveta della Torre, azienda agricola a conduzione famigliare, nasce nel 2012 con l’acquisto di due olivete abbandonate poste a nord e a sud dell’antica torre del Castello di Montepescini, da cui il nome “Oliveta della Torre”.

“Fin da subito abbiamo puntato sulla lavorazione naturale dei terreni, senza pesticidi né concimi chimici, e abbiamo ottenuto la certificazione biologica nel 2015.”

dice Giuseppe Russo, ex cuoco ora olivicoltore e titolare dell’Oliveta della Torre a Montepescini.

Oggi dai  ca. 800 olivi di cultivar Leccino, Pendolino, Frantoio e Moraiolo dell’Oliveta della Torre ricaviamo un olio EVO artigianale di altissima qualità, ricco di biofenoli (450 – 700 mg/kg) e con un basso tasso di acidità (0,3%): grazie a una raccolta delle olive precoce (a partire dalla prima decade di ottobre), svolta a mano con l’aiuto di agevolatori e soprattutto mediante una veloce gestione del conferimento delle olive al frantoio locale, anch’esso a certificazione biologica.

“In 5 anni siamo riusciti a riportare in produzione due olivete abbandonate e a ricavarne un EVO BIO d’eccellenza: fruttato, amaro, piccante e genuino, proprio come ogni autentico olio toscano, e migliore espressione di questo angolo incontaminato di Toscana.”

Scarica la nostra brochure (lingue: IT/DE/FR): BrochureOliveta2017_it-de-fr